Pubblicato il

Attualità

Voglio parlare di attualità, perché ho visto che molti dei blog più letti parlano sempre di attualità e ci voglio provare anche io! Poi ne parlano con un tono così distaccato, ma sagace, come se scoccassero una freccia di acume e intellettualità che c’entra il bersaglio della verità proprio perché è così che stanno le cose. Poi in questo periodo penso sia molto facile parlarne, anche perché tra Monti che sta antipatico a tutti, la corruzione del partiti, la crisi, le banche, il caro benzina, il maltempo, le tette di qualche soubrette, insomma ce ne sono di cose di cui poter parlare! Quindi vorrei scegliere anche io un bell’argomento su cui sparare a zero per far vedere che ne so anche io, invece che continuare a scrivere di un caos ignorante e abbastanza metafisico che non dice certo come dovrebbe il governo farci arrivare alla fine del mese. Proverò per punti magari a parlare un po’ di tutto e forse anche di niente, che alla fine preferisco parlare di niente e lasciare che chi legga pensi quello che vuole.

  • Monti: poveretto, io lo odio e lo amo a giorni alterni, anche per inquinare di meno. Però dite e pensate quello che volete ma io preferisco mille volte questo governo tecnico a qualunque altro governo ci sia mai stato in Italia. Inoltre si avvicina molto di più alla mia visione di governo oligarchico illuminato platoniano di quanto io possa mai sperare. Ricordo a tutti però che se ora ci ritroviamo in questa situazione è grazie ad almeno 40 anni di malapolitica da ogni dove-come-quando. Però se la mia vista non m’inganna dovrei iniziare a scorgere una lucina della grandezza di un Planck in fondo al tunnel.
  • Che le banche non paghino l’imu è uno dei motivi per cui odio Monti. Quindi chiunque volesse mi dia pure i suoi soldi, io li tengo, li faccio fruttare e li posso prestare ad altre aziende. Non pagherò l’imu ma farò girare l’economia. Quanto alla Chiesa non paga l’imu sempre grazie a Mussolini e non capisco come i cattolici possano ancora denigrarlo a dittatore assassino.
  • Le aziende falliscono. Eppure la grande e saggia Unione Europea aveva dato soldi alle banche proprio per poi prestarli alle aziende. Ma dove sono finiti allora? Provate ad andare alla vostra banca di fiducia (ahahahah fiducia!) e chiedere se per caso non è che con quei soldi hanno comprato i titoli di stato ufficialmente per far abbassare lo spread, o provarci, e ufficiosamente per far quattrini. Vi diranno di si. O comunque è la risposta che han dato a me.
  • Altro tema scottante è la Lega. Ma la Lega è finita, storia passata.
  • Inoltre Bersani ha detto una cosa del tipo “dopo il governo tecnico torneremo a pugnalarci”. Bene, vedo che ti sta molto a cuore il tuo Paese che ti mantiene e che stai imparando molto da questa situazione.
  • Il fatto che ora saltino fuori tutti questi evasori fiscali e tutti questi partiti che rubano dalle proprie casse, e quindi dallo Stato, è proprio grazie al governo tecnico del caro Monti. Non essendoci nessun partito al potere che copre queste cose, ma anzi essendoci al potere un vampiro, ecco che queste cose spuntano come funghi dopo una giornata di pioggia. Ma sarà dagli anni ’60 almeno che ci stiam facendo prendere per i fondelli così.
  • Perché i partiti rubano in questo modo? E’ semplice, ce ne sono troppi e non hanno ricambio generazionale. Cosa vuol dire? Che dovrebbero esserci DUE partiti (sogno di Berlusconi e di Veltroni che gli Italiani soliti furbacchioni si sono lasciati rubare) e che quando uno di questi partiti non vince si mandano a casa le figure di spicco perché evidentemente non erano valide. Quindi si ha un bel ricambio generazionale, non come succede qui che stanno nei partiti per anni e secoli e millenni e poi è ovvio e nell’ordine naturale delle cose che ci sia una corruzione dilagante.
  • Per quanto riguarda il caro benzina io più che a questo mi rivolgerei alle case automobilistiche che dovrebbero smetterla da ora di produrre veicoli a benzina, ma sfornarne di elettrici o quant’altro. Ogni volta mi sento dire “ma hanno fatto il patto con le aziende petrolifere” e io rispondo così “ma è un gatto che si morde la coda! Perché in questo modo loro comunque non vendono nulla!” E poi la gente compra quello che c’è sul mercato, se togli tutta l’eroina la gente smette di bucarsi. O si mette a coltivare papaveri. Ma voglio vederli a coltivare una macchina!
  • Poi c’è Beppe Grillo con la sua bavetta alla bocca che si vede già seduto in parlamento pronto a diventare uno di quei partiti che lui sta così tanto denigrando. Ma lui non sarebbe mai sceso in politica e per evitare di fondere qualche mia rotella con questi controsensi non ne parlerò più.
  • Alla luce di tutto questo provo nostalgia nel bunga-bunga e nelle gnocche che si portava in casa Berlusconi. Che poi fosse anche vero alla fine le pagava con i suoi soldi, cosa che personalmente non me ne fregava nulla. Che poi dico, mica le obbligava, alla fine erano pure ben contente di prendere quei soldoni. Se fosse vero, cosa che non so e che lascerò a quei giudici ormai tristi che il loro processo ormai prende solo 10 secondi di notizia nei telegiornali, nonostante tutti i soldi statali che hanno speso per metterlo alle corde.
  • Che poi si da sempre la colpa ai politici, ma la colpa è di tutti gli italiani che si credono il popolo dei furbi. Che trovano subito l’inghippo per aggirare leggi che fan già ridere di per sé. Dai i politici mica vengono da Marte! Immaginate se ci fossero altre persone, non i nomi che ci sono adesso, ma immaginate voi e i vostri vicini di casa in parlamento. Davvero vi sareste comportati diversamente e non avreste mandato in crisi il Paese? Io ci rifletterei ben bene prima di puntare il dito contro i vari ladri della politica.
  • Serve quindi una rivoluzione mentale, non per le strade, ma per le menti della gente. Non serve dire altro.
  • Inoltre proporrei che i sindacati pagassero le giornate di sciopero ai lavoratori. Perché questi poveretti strumentalizzati perdono soldi a continuare a fare scioperi per i comodi dei loro sindacalisti che hanno la Mercedes che li segue in fondo al corteo, e già è dura per loro arrivare a fine mese.
  • Ah poi c’è la TAV. E se quelli che manifestano contro la TAV seguono davvero quello che dicono i loro capi sono messi proprio bene, e mi fanno sorridere quando li vedo, perché sono veramente presi per il culo ma ai livelli proprio che è talmente palese che non se ne accorgono neppure. Cito due frasi particolarmente belle che sono da incorniciare “c’è l’amianto e la valle è ventosa e quindi è peggio” e “perché non la fanno in veneto allora?” Rispondo: prima di tutto c’è una relazione geologica e geotecnica che se dice che non si può costruire non si può e se in quelle si dice che non c’è amianto allora non c’è, se poi la valle è ventosa è meglio, perché l’eventuale amianto viene disperso via. Inoltra se arriva dalla Francia COME CAVOLO FA AD ARRIVARE IN VENETO SENZA PASSARE DA LI’???? Queste sono le persone ai vertici del movimento No TAV. A me vien da ridere.

Basta allora, ho parlato di attualità. Questa non è la verità, ma è solo quello che vedo e sento io. Se poi ci sono altre persone che condividono le mie osservazioni allora potrebbero non essere tutte scemenze, altrimenti ripartirò da capo a rianalizzare la situazione Italiana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...